Archivio mensile:Luglio 2019

Quanti terremoti avvengono ogni anno nel mondo?

Ogni volta che si verifica un forte terremoto nel mondo ci viene posta la domanda se la sismicità a scala globale stia aumentando.

Sicuramente sta aumentando la comunicazione degli eventi che vengono registrati ovunque dalle reti mondiali; fino a non molti anni fa la notizia di un terremoto in Indonesia o in Papua Nuova Guinea non sarebbe mai stata ripresa dai media.

Se poi consideriamo che ad un forte terremoto che si genera in mare si lega la paura che possa verificarsi uno tsunami (visto le drammatiche vicende di Sumatra 2004 e Giappone 2011), si comprende questa aumentata attenzione per i fenomeni sismici.

Resta il fatto che è diffusa una percezione di aumentata sismicità che si starebbe verificando da qualche anno.

Come ricercatori la risposta che possiamo dare è quella contenuta nei numeri reali delle scosse che vengono localizzate dalle reti sismiche di tutto il mondo. Infatti terremoti di magnitudo elevata vengono osservati da moltissime stazioni sismiche in tutto il pianeta.

Abbiamo selezionato il catalogo mondiale gestito dall’USGS (United States Geological Survey) perché lo possiamo considerare compilato con criteri omogenei e sufficientemente completo per la magnitudo più elevate. Il catalogo è interrogabile da chiunque a questo indirizzo internet: https://earthquake.usgs.gov/earthquakes/search/. Anche INGV localizza i terremoti mondiali più forti ma riporta sul suo sito web soltanto quelli di magnitudo pari o superiore a 6 da una decina di anni a questa parte (e a partire da magnitudo 5 per l’area Mediterranea).

Distribuzione dei terremoti di magnitudo 5 o superiore nel periodo 1973-2019 secondo il catalogo USGS.

Questa mappa mostra la distribuzione della sismicità a scala globale per magnitudo 5 o superiore nel periodo 1973-2019. Si può notare che sono poche le aree che non abbiano sperimentato almeno una scossa di magnitudo 7.

Il catalogo USGS consente di fare selezioni a partire dal 1900. Selezionando a scala mondiale i terremoti registrati con una magnitudo pari a 6 o maggiore si ottiene una distribuzione di eventi per anno come quella mostrata nella figura che segue. Leggi il resto di questa voce

Evento sismico dell’8 luglio 2019 di magnitudo Ml 3.9 (Mw 3.8) in provincia di Catania

Alle ore 6:38 italiane dell’8 luglio 2019 un terremoto di magnitudo Ml 3.9 (Mw 3.8) è stato localizzato in area etnea, ad una profondità ipocentrale di 18 chilometri.

Il terremoto è stato avvertito da molte persone e ha interessato diverse località. La tabella che segue mostra le località poste entro 20 chilometri dall’epicentro.

Adrano_Localita

Località entro 20 km dall’epicentro del terremoto

Il quadro del risentimento è fornito dalle risposte ai questionari online di Hai sentito il terremoto.  La mappa si aggiorna periodicamente in base alla compilazione dei questionari da parte di nuovi utenti. La mappa aggiornata in tempo reale è visibile qui.

HSIT_Adrano

Mappa dei risentimenti in base alle risposte a Hai sentito il terremoto

La profondità ipocentrale elevata rispetto a quanto accade normalmente nell’area ha fatto sì che il risentimento sia stato su un’area vasta.

Nell’area è in atto da diversi mesi un’attività sismica che ha raggiunto e superato in alcune occasioni la magnitudo 4. Il 6 ottobre 2018 è avvenuto un terremoto di magnitudo Mw 4.6, durante la sequenza di Natale ci sono state due scosse il 24 dicembre 2018 (magnitudo Mw 4.0 e  Mw 4.3) e la più forte del periodo il 26 dicembre 2018 (magnitudo Mw 4.9), infine il 9 gennaio 2019 si è registrato un evento di magnitudo 4.1. Il grafico che segue mostra la sismicità registrata dal 1° settembre 2018 a oggi. Sono poco più di 360 le scosse con magnitudo uguale o maggiore a 2.

Iside_Adrano_M2+

Eventi localizzati in area etnea dal 1° settembre con magnitudo pari a 2 o maggiore

Adrano_Mappa

Distribuzione degli epicentri dal 1° settembre 2018 a oggi, con magnitudo pari a 2 o maggiore. Il cerchio rosso indica l’epicentro del terremoto dell’8 luglio 2019

 


Licenza

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: